“Pizz’art: perché ogni pizza… ” … attira l’attenzione

“Pizz’art: perché ogni pizza… ” … attira l’attenzione

“Pizz’art…perché ogni pizza è un’opera d’arte” coglie l’attenzione dei blogger e giornalisti.

Ai piedi del Monte Somma, e a  far da cornice il Parco Nazionale del Vesuvio, con una gestione totalmente rinnovata è tornato in scena “Il Falangone”, realtà storica di San Giuseppe Vesuviano e della provincia circostante. Un’ imponente struttura sviluppata su tre livelli (ristorante/pizzeria, club house e terrazza), circondata dalla terra rossa dei campi da tennis, affacciata su un panorama suggestivo. Un ambiente luminoso ed elegante e curato, ma allo stesso tempo flessibile ed aperto a soddisfare le esigenze di una clientela sempre diversa. Un grande team, (che unisce la brigata di cucina, gli operatori della pizzeria e brigata di sala), volutamente composta operatori giovani e dinamici, mossi dalla volontà di fare una buona cucina nel rispetto della tradizione, ma con l’occhio strizzato alla innovazione.

Al reparto pizze un napoletano autentico: Nunzio Marino coadiuvato dai suoi fidati assistenti Pasquale e Gennaro.

L’evento il cui nome:  “Pizz’art…perché ogni pizza è un’opera d’arte”, nasce della concezione che Nunzio ne fa dell’arte bianca, secondo cui ogni pizza è un capolavoro, un’emozione, un’opera d’arte.

Durante il corso della serata il Pizza Chef ha presentato diverse nuove pizze del menù gourmet.

La degustazione ha avuto il seguente percorso:

Pizza Margherita. In abbinamento: Salvatore Martusciello- Otto uve – Gragnano

Pizza Ortolandia: crema di melanzane, peperoni, zucchine, provola di Agerola, olio estratto a freddo e scaglie di parmigiano reggiano stagionato 30 mesi.

In abbinamento: Villa Dora – Vigna del Vulcano – Lacryma Christi del Vesuvio doc

Pizza Tartufona: datterino giallo del Vesuvio, provola di Agerola, tartufo nero, salsiccia di maialino nero casertano, pepe, scaglie di parmigiano reggiano stagionato 30 mesi, olio extravergine bio.

In abbinamento: Villa Dora- Forgiato – Lacryma Christi del Vesuvio doc.

A concludere la degustazione, una pizza dolce nata dalla collaborazione tra Nunzio Marino ed il pasticcere Antonio Benedetto, “Mustachoc” questo il nome della pizza, crema pasticcera, vaniglia con ricotta e menta, fragole bagnate con marsala, agrumi e foglie di menta.

In abbinamento: China Pisanti

Gli abbinamenti sono stati curati da Ais Campania, con la partecipazione alla serata di Ernesto La Matta, Consigliere Regionale su base territoriale dei Comuni Vesuviani.

Presenti alla serata:

Latteria Sorrentino

Olio Mira

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *