Percorso Culinario a Caggiano

Percorso Culinario a Caggiano

Si è conclusa ieri sera la 29^ edizione del Percorso Culinario nel centro storico “Caggiano, terra di…Sapori, Tradizioni, Storia, Paesaggi, Cultura e Natura”, a cura della Pro Loco Caggiano.

La meravigliosa e unica manifestazione, che si svolge nel centro storico del borgo antico e all’interno delle mura di cinta, ha visto un boom di visitatori che hanno riempito vicoli e piazze per le tre sere. Il Percorso Culinario da sempre esalta la tradizionale cucina locale, infatti i visitatori hanno percorso il centro storico degustando 5 piatti, a partire dal tipico Antipasto caggianese, seguito dalla Lagane e Cic’r.

Ma il centro storico di Caggiano, con i suoi caratteristici vicoli e il Palazzo Morone che ospita la Mostra Fotografica del giovane Mario Scelza, ha sorpreso con il profumo del re della tavola locale, il Pasticcio caggianese, servito nell’Anfiteatro Alan Lomax.

Il percorso continuava fino a Largo Marvicino, dove era possibile gustare l’Arrust di vitello o la salsiccia, cotti rigorosamente alla brace, su una veduta unica che abbraccia il Vallo di Diano e la valle del Tanagro. Il viaggio enogastronomico terminava ai piedi del Castello Normanno del Guiscardo, per degustare Vino con Percoche e i dolci della tradizione.

Ad accompagnare i piatti in questa edizione del Percorso Culinario il vino locale prodotto dai responsabili della Pro Loco Caggiano.  Tutte e tre le serate sono state rallegrate da musica, canti e balli. La manifestazione ha aderito alla campagna Plastic Free. Novità di questa edizione è stato il premio “Ze Ndunetta la Coca”, dove i visitatori hanno votato la miglior postazione esprimendo un voto per la Location, Piatto e Servizio.

Il primo posto è stato assegnato alla del Pasticcio, seguita da Lagane e Cic’r e al terzo posto l’Arrosto.

(articolo della Pro Loco Caggiano)